Il processo "V.C.P" nel Marketing Referenziale - Luigi Amato - Director BNI - Specializzato in Marketing Referenziale - Luigi Amato BNI Director Torino Sud Ovest

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il processo "V.C.P" nel Marketing Referenziale

Pubblicato da Luigi Amato - Director BNI - Specializzato in Referral Marketing in Marketing · 11/2/2018 19:27:00
Tags: marketingreferenzialereferralmarketingmarketingrelazionalebnibusinessmarketingstrategicobnitorino
Il Marketing Referenziale si basa su un processo strutturato su relazioni di fiducia tra imprenditori e professionisti.



A differenza di altri piani di Marketing, quello referenziale funziona esclusivamente costruendo e consolidando le relazioni con la propria rete di contatti.

Tra le relazioni più importanti, ci sono quelle basate sulle tue fonti referenziali di riferimento, sempre che siano state istruite a individuare i tuoi migliori clienti.

Ogni tipo di relazione ha bisogno di essere costruita e alimentata nel tempo.
Nel Marketing Referenziale man mano che cresce la fiducia tra le fonti referenziali, si consolida un processo diviso in tre fasi importanti: visibilità, credibilità e profittabilità.


Questo processo è chiamato VCP.

Qualsiasi relazione di successo, che si tratti di relazione personale, aziendale o di business, è unica e si evolve nel tempo.
Come ogni relazione inizia con un pò di diffidenza, cresce più forte e si consolida con la fiducia e l'impegno reciproco.

Il processo VCP descrive perfettamente questo percorso dal quale bisogna passare inevitabilmente per ottenere risultati a lungo termine.
Nell'ambito del Networking, la fase di visibilità è quella in cui ci si conosce superficialmente, si impara nome e professione del partner referenziale, si analizza la sua professionalità, la puntualità e l'attitudine alla condivisione di referenze e contatti.

La seconda fase chiamata credibilità si evolve quando grazie alla conoscenza e al consolidamento della relazione di fiducia, si iniziano a ricevere referenze e contatti.

La terza fase, quella più importante è chiamata profittabilità.
Questa è la fase in cui la fiducia e la relazione con il proprio partner referenziale è tale che si condividono reciprocamente referenze e contatti in modo continuativo. Non può esserci profittabilità se non c'è reciprocità nella condivisione.

Un esempio pratico è quello che può accedere tra un agente che si occupa di vendita cancelleria e un commerciante di dispositivi per la sicurezza sul lavoro.

Queste due figure professionali hanno in comune il loro potenziale cliente, ognuno di loro cerca di entrare in contatto con l'ufficio commerciale di grandi aziende.
Ognuno di loro ha al proprio attivo un portafoglio clienti generato nell'arco di anni.

Dopo una prima fase di conoscenza e di consolidamento della fiducia che, grazie al metodo BNI può durare qualche mese, i due professionisti iniziano a scambiarsi i propri contatti, il loro portafoglio clienti raddoppia e il loro fatturato aumenta esponenzialmente.
Per costruire la propria rete di clienti ci hanno messo anni, per raddoppiarli, grazie al processo VCP e al metodo BNI, pochi mesi.

Questo semplice concetto ha fatto una differenza enorme sopratutto nell'ambito del Networking BNI.

Se vuoi approfondire il funzionamento di questo processo che si crea tra imprenditori e professionisti, puoi visitare un incontro di lavoro BNI nella tua città o contattandomi:
Luigi Amato - Director BNI - Cell: 3393501932 - email: l.amato@bni-italia.it



Torna ai contenuti | Torna al menu